Saldi: consigli ed istruzioni per l'uso!

 

Anche chi non è un fanatico dello shopping non può resistere alla tentazione rappresentata dai SALDI!

Vestiti ed accessori a prezzi bassi, a volte bassissimi, funzionano meglio di una calamita, specialmente in questo periodo di crisi che sembra non finire mai, ma spesso nascondono tra bottoni e cerniere delle piccole grandi insidie. Il lato positivo è rappresentato dal fatto che i “saldi di fine stagione” arrivano sempre più quando la stagione è ancora in corso, consentendo così di godere dei nuovi acquisti fin da subito, ma, purtroppo, non tutti i negozianti rispettano le regole legate a questo particolare tipo di vendita. Si perché delle regole ci sono ed è bene conoscerle se non si vuole buttare all'aria tempo, denaro e buon umore.

Fate un giro per i negozi che vi interessano qualche giorno prima che i saldi abbiamo inizio e memorizzate bene il prezzo dell'oggetto che state puntando, capita infatti che qualche venditori falsifichi, aumentandolo, il prezzo di partenza per giustificare una percentuale di sconto in realtà inesistente.

***

  • Come previsto dall'art. 15D.lgs 114/98, sul cartellino devono essere indicati il prezzo di partenza, il prezzo finale e la percentuale di sconto applicata. Una volta giunti alla cassa controllate che vi venga praticato il prezzo finale indicato!
  • All'interno dei negozi, la merce in saldo deve essere ben separata dalle nuove collezioni, che devono riportare una chiara indicazione.
  • E'possibile pagare con carta di credito anche la merce in saldo. In caso di rifiuto del negoziante è possibile segnalare l'accaduto alla società che vi ha rilasciato la carta, se convenzionata con il punto vendita.
  • Provare i capi di abbigliamento non è un diritto assoluto, così come la possibilità di cambiare la merce. Queste decisioni sono a discrezione del negoziante, al quale dovreste chiedere informazioni in merito prima di pagare per evitare lunghe discussioni.
  • Il cambio è invece consentito in caso di merce difettosa, anche in periodo di saldi. Conservate però lo scontrino, che secondo l'art.1519-sexsies del Codice Civile renderà valida la garanzia per due anni dopo l'acquisto (il difetto va però dichiarato entro 60 giorni dal momento dell'acquisto).
  • I difetti alla merce devono chiaramente essere indicati prima dell'acquisto. Se questo non accade il negoziante è obbligato a sostituire l'articolo difettoso anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare.
  • Anche le “offerte speciali” vanno ulteriormente scontate durante il periodo dei saldi.
  • La merce esposta in saldo non deve essere quella di tre anni prima ma della stagione in corso.
  • Rivolgetevi a negozi di fiducia ed usate il buon senso, se gli sconti sono superiori al 50% o la merce non è di questa stagione o il negoziante sta vendendo sottocosto...state attenti e buon divertimento!

LASCIACI UN COMMENTO!

* Nome
* Email
* Commento
 
 
 
  * campo obbligatorio