Nikon 1 v1 e j1: prezzi e caratteristiche

Dal settembre 2011 è sul mercato una nuova fotocamera Nikon, la quale sta attirando l'attenzione e le domande di molti.

nikon 1

 
Stiamo parlando della mirrorless Nikon 1 V1 e J1 (due infatti i modelli disponibili, i quali si discostano l'uno dall'altro di circa 200 euro e per alcuni aspetti tecnici). Fino a non molto tempo fa le fotocamere disponibili sul mercato erano di tre tipi: reflex, compatte e bridge.
 
Cos'è quindi una fotocamera mirrorless? Letteralmente significa “senza specchio”, cosa infatti assente in tutti i modelli, ed è caratterizzata dalle piccole dimensioni, uguali a quelle di una compatta. Pur essendo piccole e maneggevoli, le mirrorless offrono l'opportunità di montare ottiche intercambiabili come per le reflex (e proprio per questo, secondo chi le produce, potranno spedire nel dimenticatoio le ingombranti colleghe). 
 
Come mai la Nikon ha deciso di entrare nel mercato delle mirrorless nonostante l'azienda sia ottimamente posizionata nel settore delle compatte e delle reflex? In termini di grandezza, peso  e caratteristiche le mirrorless sono un buon compromesso tra le due categorie. Senza il bisogno dei pesanti componenti di una reflex e con la possibilità di poter cambiare le lenti, cosa impossibile con le compatte, il vantaggio appare evidente. Il mercato delle digitali è però ormai saturo, se ci si aggiunge il fatto che molti dispositivi mobili siano dotati di fotocamere sempre migliori si può facilmente intuire come nel prossimo futuro le vendite andranno calando, da qui il motivo per cui la Nikon ha investito tanto tempo e denaro per ricerca e sviluppo (il progetto Nikon 1 ha preso vita più di cinque anni fa). 
 
Per i puristi potrebbe rappresentare un problema la piccola dimensione del sensore CX, così come il fatto che non esiste una gamma di obiettivi adatta ad ogni tipo di situazione di ripresa, ma appare chiaro che il target a cui Nikon 1 si rivolge non sia quello dei professionisti o dei geek della fotografia.
 
Come già accennato, la leggerezza e la praticità di Nikon 1 sono incredibili: dimensioni pari a 113x76x44mm e peso di soli 294 grammi. La posizione dei comandi sulla camera è buona. In questo senso non si discosta molto dalle compatte che tutti abbiamo usato almeno una volta nella vita e tutto è reso molto intuitivo anche dal fatto che è possibile accedere alle opzioni extra attraverso un numero limitato di passaggi.
 
Per girare dei video si deve utilizzare un pulsante diverso, e più piccolo, da quello usato per scattare il che potrebbe essere poco pratico, ma di contro è possibile vedere le immagini scattate sul display mentre si sta girando un filmato. Dal menù si può cambiare direttamente solo l'esposizione, per le altre caratteristiche (white balance, ISO, image size) ci si deve invece addentrare nel menù stesso. Il display LCD è grande, si vede bene ma non è né orientabile né touchscreen (accettabile per la versione J1, meno per la V1, soprattutto per quando ci si trova in modalità macro o video). 
 
 
Non sono disponibili accessori (flash, gps, microfono ecc) standard per l'hot shoe, e comunque nessuno di essi è venduto assieme alla camera (almeno per la Nikon 1 V1 avrebbero potuto provvedere considerato il costo che si aggira sui 600 euro).
 
 
Quello della Nikon 1 è il primo sistema Nikon autofocus ibrido, che anche al chiuso, con meno luce, funziona molto bene. Rapido, reattivo ed accurato, è molto difficile riuscire ad ottenere un'immagine sfuocata: quando la camera non è in grado di mettere a fuoco lo segnala con una luce rossa, che diventa verde passando alla modalità AF-assist lamp, molto utile quando si fotografano soggetti da vicino.
 
Anche la modalità video recording è decisamente buona. Non è limitata da un'esposizione standard, è possibile passare alla modalità manuale anche quando si sta girando un filmato e scegliere le caratteristiche che interessano, il display visualizzerà le opzioni in modo da sapere esattamente cosa e come si sta filmando. La cosa più sorprendente è la capacità di mettere automaticamente a fuoco i soggetti che si stanno riprendendo, cosa che si può fare per 20 minuti consecutivi (molto più di ogni altra fotocamera). Bellissima l'opzione slow-motion per girare i video, disponibile in due modalità (400 e 1200 fps). La ripresa in slow-motion richiede la disponibilità di molta luce, in caso contrario aumentare l'Iso e diminuire l'apertura delle lenti migliora il risultato. 
 
In conclusione, l'unico difetto di questa Nikon V1 sembra essere  la dimensione ridotta del sensore CX, ma i test dimostrano che lavora molto bene per la sua taglia (ed è proprio la dimensione minima che permette di contenere i costi di produzione e quindi di spesa).
 
Certo è che chi è abituato con il fullframe difficilmente tornerà indietro. Ma come è già stato detto, nessuna delle due versioni di Nikon 1 è stato pensato per i professionisti o aspiranti tali. L'utente medio, attento alla qualità delle immagini ma che esige un'esperienza d'uso pratica ed efficacie, ed una batteria che duri per parecchie ore,  può ottenere dei risultati molto buoni con questa fotocamera (e magari scoprire una nuova passione da coltivare!).
 
In futuro molto prossimo arriveranno versioni aggiornate di questa camera, con più lenti e accessori per ampliare il proprio “corredo”, stay tuned!
 
Caratteristice tecniche Nikon  1 V1 e Nikon 1 J1
 
 
 

LASCIACI UN COMMENTO!

* Nome
* Email
* Commento
 
 
 
  * campo obbligatorio