Gruppo continuità PC: come scegliere l'UPS

 

Per scegliere il gruppo di continuità giusto per il nostro computer o la nostra rete domestica è utile partire da cosa è questo aggeggio. 
 
Un UPS è un dispositivo che serve per correggere gli sbalzi di tensione della nostra energia elettrica. Se questi sbalzi diventano troppo evidenti, oppure se l'energia elettrica proprio non viene erogata (temporale, guasto etc etc) il gruppo di continuità si preoccupa di erogare la corrente a 220 volt dalle sue batterie.
 
Gli elementi base che compongono il nostro gruppo di continuità sono: 
 
- una o più batterie
- un alimentatore che caricherà le batterie
- un inverter che trasforma la corrente continua delle batterie nella classica 220
 
Ora che abbiamo capito cosa è e come è composto poniamoci le classiche domande:
 
Come scelgo l'UPS? Più costa e più è buono?
 
Il costo non è l'unico fattore da prendere in considerazione: gli ups moderni risparmiamo sui costi "semplificando" la struttura piuttosto che risparmiare sulla qualità dei componenti. Vediamo quindi punto per punto cosa ci deve interessare.
 
1) Potenza erogata
 
Tradotto, quanti watt ci servono? Questa è una delle due domande essenziali! Per sapere quanta potenza ci serve dobbiamo sommare i watt di tutti i dispositivi attaccati in contemporanea al nostro ups.
 
Es. alimentatore del notebook (90W), Router Wireless (10W), Stampante (100W)....
 
Nel nostro esempio l'ups dovrà erogare "almeno" 200W
 
Se avete il pc fisso per sapere quanto consuma si può prendere come riferimento l'alimentatore (solitamente sui 350/500 Watt). Non dimenticatevi di sommare anche Monitor, Casse etc etc. Ah sì, prima di svenire con i watt consumati pensate se è davvero necessario aver tutto attaccato all'ups. Probabilmente la risposta è no. Cosa vi servono le casse per i 10 minuti che rimarrete senza corrente? E la stampante che da sola consuma più del pc?
 
2) Autonomia (reale) dell'ups
 
Quanto mi durano le batterie? A questa domanda in pochi sanno rispondere, ma è la seconda delle due domande essenziali.
 
Per non sbagliare quando acquistate un ups prendete il valore "minimo" di durata in base al vostro carico. Tutti gli ups oramai li indicano.
Questo perché le batterie con il tempo tendono ad essere meno efficienti e vedrete che stimare in negativo è sicuramente meglio di aspettarsi performance di ore... Anche qui, usiamo il buon senso, a meno di esigenze particolare un'autonomia di 15 minuti solitamente è più che sufficiente: ci permette di vedere se la corrente riprende ed in caso negativo di salvare il nostro lavoro e spegnere il pc. Pretendere un'autonomia di ore e ore è inutile e molto, molto, molto costoso.
 
3) Collegamento con gli altri dispositivi
 
E' la capacità di comunicare con il nostro pc. Quando la corrente non torna e le batterie stanno per ultimarsi, l'ups può dire al nostro computer di spegnersi per evitare danni al disco fisso e conseguente perdita di dati. A mio avviso è una funzione molto utile se siamo lontani dal pc per lunghi periodi; se invece usiamo il pc solo con noi presenti è una funzione che non ci interessa.
 
 
4) Marche Suggerite? 
 
Secondo la mia esperienza con APC e Trust si và sul sicuro.
 
5) Dove acquistarlo ?
 
Per esempio su Amazon:  clicca per vedere alcuni ups e relativi prezzi

LASCIACI UN COMMENTO!

* Nome
* Email
* Commento
 
 
 
  * campo obbligatorio