Come preparare un tè perfetto

Quante volte infiliamo distrattamente una bustina in una tazza di acqua calda per preparaci un tè caldo che sappia riscaldarci o smuoverci dal torpore mattutino? Una bevanda così piacevole e diffusa da farci dimenticare che attorno alla raccolta e all'infusione di foglie di tè ruotano tradizioni antichissime, dietro alle quali si celano vere filosofia di vita.

La cerimonia del tè, tutt'oggi praticata in oriente, ha rappresentato per secoli un rito davvero importante per i rapporti sociali, tanto da essere stata ben codificata nel 1500 fino ad essere elevata a vera e propria forma d'arte.

Nessuno o quasi ha a disposizione il tempo e lo spazio necessario per seguire il classico rituale ogni volta necessiti di una tazza di tè, ma perché non prestare attenzione a dei piccoli accorgimenti che ci permetteranno di apprezzare al meglio questo momento di relax?

La prima cosa a cui pensare è l'acqua che verrà utilizzata per la preparazione. Deve essere fresca e leggera, l'acqua del rubinetto può bastare, a meno che non sia piena di cloro, il cui sapore potrebbe alterare in modo decisamente negativo il gusto della vostra bevanda. Controllate che non contenga troppo ferro (per i motivi di cui sopra) e sconsigliata è anche l'acqua distillata. Evitare accuratamente di utilizzare acqua già bollita, altrimenti il sapore del tè perderà tutte le sue sfumature. Il tempo di infusione, che sia del filtrino o delle foglie, deve sempre superare i quattro minuti, a meno che non vogliate del tè nero, le cui essenze si liberano velocemente (nei primi due minuti vengono rilasciate nell’acqua solo la caffeina e la teina, successivamente anche le catechine, sostanze antiossidanti che aiutano a limitare l’assorbimento delle sostanze eccitanti nell’organismo). Quando mettete l'acqua sul fuoco fate attenzione ai tempi, l’acqua infatti non deve mai bollire, ma già dalle prime bollicine, potrete toglierla dal fuoco e aspettare un po’ prima di versarla sulle foglie o immergervi il filtro.

Questi dettami si scontrano però con l'altra grande scuola del tè, quella inglese, che invece esige che l'acqua sia in ebollizione nel momento stesso in cui incontra il tè, e ciò vuol dire lasciare il bollitore sul fuoco fino al momento di versare l' acqua. Se usate la teiera, è essenziale preriscaldarla, mescolate il tè e lasciatelo riposare prima di bere. Nel nostro Paese difficilmente si aggiunge del latte, ma se volete imitare i Lord del Regno Unito scegliete quello scremato, altrimenti il vostro tè prenderà un gusto untuoso. E non versate il latte nella tazza prima del tè perché rischiate di versarne troppo. 


LASCIACI UN COMMENTO!

* Nome
* Email
* Commento
 
 
 
  * campo obbligatorio