Come fare le candele

Tra i tanti hobby che vedono impegnati milioni di persone nell'intento di decorare il mondo con le proprie mani, quello di produrre da soli delle candele è sicuramente uno dei più colorati e profumati. Di certo non è il più semplice dei progetti DIY, infatti è sconsigliato far svolgere questa attività a dei bambini, potrebbe essere pericoloso perché purtroppo è moto facile scottarsi.
 
Per fabbricare una candela in casa, bisogna innanzitutto procurarsi il materiale necessario, di norma reperibile nei colorifici:
 
  • cera bianca
  • due pentolini di diverse dimensioni
  • mestolo di legno
  • colori per cera
  • oli essenziali
  • stoppini (di solito sono venduti in “gomitoli” di cotone)
  • ago lungo o bastoncino di legno (serve per tenere duro lo stoppino sullo stampo)
  • stampi
  • decorazioni (facoltative)
  • olio di oliva o lubrificante spry
 
I due pentolini servono per far sciogliere la cera bianca con la tecnica del “bagnomaria”: in quello più grande verrà fatta bollire l'acqua (non più di 4 cm di altezza), nel secondo andrà messa la cera da  far sciogliere. E' importante che la pentola con l'acqua sia non molto alta e che anche il livello dell'acqua sia piuttosto basso affinché l'ebollizione non faccia muovere troppo il pentolino con la cera, la quale potrebbe schizzare fuori a temperature molto pericolose.
 
Come procedere? Iniziate a  far sciogliere la cera, lentamente. Nel mentre cominciate a predisporre lo stampo, o gli stampi, che avete scelto. Negli stampini che si trovano in commercio, è predisposto un foro appositamente per infilare lo stoppino, il quale si presenta come uno spesso filo di cotone. Infilatelo nello stampo e una volta terminata l'operazione (ricordate di lasciare almeno un paio di cm extra per l'accensione) fate un nodo alla base del cordoncino. Dall'altro lato invece dovrete fare in modo che lo stoppino rimanga in posizione verticale, per poi rimanere al centro della candela una volta terminate le operazioni. Infilate l'ago lungo nel cordoncino, in modo che l'ago di perpendicolare allo stoppino e parallelo allo stampo. In questo modo l'ago sarà appoggiato sui bordi dello stampo, mentre il filo rimarrà verticale. Spesso gli stampi riportano due fessure in cui posizionare l'ago in modo che rimanga ben fermo.
 
Tornate a controllare la cera, se si sta sciogliendo bene, è il momento di versare i pigmenti del colore che avete scelto: versate e mescolate. Il colore deve essere omogeneo, per verificarne la tonalità potete versare un po' di cera su della carta da forno e aspettare che si solidifichi. Aggiungete poco colore per volta, perché scurire è un processo più semplice di quello inverso. Il colore può essere sottoforma di pastiglia di cera, colorante in polvere o addirittura un pastello a cera.
 
La cera è scioltissima e il colore è al punto giusto? Bene, aggiungete ora degli oli essenziali se lo desiderate e poi armatevi di guanti protettivi per estrarre il pentolino dall'acqua: fate molta attenzione a non farvi del male! La cera va immediatamente versata all'interno dello stampo, ovviamente con estrema cautela e cercando di non far spostare lo stoppino dalla posizione centrale dove lo avevamo sistemato in precedenza. Lo stampo va interamente colmato, fino all'orlo. Quando avrete terminato, mettete lo stampo in un posto in cui la cera possa raffreddarsi e solidificarsi senza subire urti.
 
Lasciate a riposo almeno un'ora, dopodiché potrete procedere all'estrazione. Togliete l'ago dallo stoppino e tagliate il nodo che era stato fatto con il cordoncino nella parte bassa dello stampo. Ora iniziate a sfilare la candela, tirando delicatamente lo stoppino verso di voi. Per facilitare questa operazione, potete spennellare lo stampo con un sottile strato di olio di oliva oppure, ancora più pratico sarebbe usare un lubrificante spry.
 
Importante: non metteta mai la candela in freezer o in frigo per farla raffreddare!
 
 

LASCIACI UN COMMENTO!

* Nome
* Email
* Commento
 
 
 
  * campo obbligatorio