Come fare un blog

Un blog è nato come una sorta di diario online, un modo interattivo per condividere idee, passioni, conoscenze e opinioni. Via via che il web si è sviluppato, anche i blog sono cresciuti in qualità ed importanza, riuscendo a diventare, negli ultimi anni, dei mezzi di comunicazione validi ed influenti.
 
Se avete intenzione di aprire un blog dovete prima di tutto chiedervi la motivazione che vi spinge a farlo e a quale pubblico intendete rivolgervi. Se desiderate avere un blog personale, dove dare spazio alla vostra creatività e liberare i vostri pensieri, potete seguire un certo tipo di procedura; se invece quello che volete costruire è un blog aziendale, pensato per far conoscere la vostra attività o inserito in un preciso piano di marketing, allora ci sono altre precauzioni da prendere. Partiamo dal primo caso, quello di chi vuole avere un blog personale.
 
La prima cosa da scegliere è la piattaforma, ossia lo spazio web che ospiterà i nostri post (così si chiamano gli articoli che vengono pubblicati su un blog, da qui il verbo “postare”). Una delle piattaforme più famose e collaudate si chiama Wordpress, ma molto valido è anche Tumblr. Entrambe mettono a disposizione dell'utente sia lo spazio web che il software necessario per caricare contenuti (testo, immagini, video) e per condividerli in rete. Questi sistemi sono gratuiti, basta iscriversi e seguire le istruzioni per iniziare a bloggare. La grafica è semplice ed intuitiva, in poco tempo diventereste dei velocissimi blogger. Sia Tumblr che Wordpress, inoltre, vi permettono di ricevere e gestire i commenti dei lettori, nonché di scoprire e seguire altri blogger che si occupano di argomenti di vostro interesse. In un blog i contenuti multimediali appaiono in ordine cronologico, così il lettore, proprio come se leggesse un diario, riesce a seguire il filo logico del materiale pubblicato.
 
Parliamo ora di un blog aziendale. Nel caso di un blog pensato per un'attività, a vario titolo, commerciale, è bene iniziare procurandosi uno spazio web personale, dove l'url (l'indirizzo web) non sia un sottodominio di un altro sito bensì identifichi immediatamente il vostro nome o la vostra attività. Questo spazio web, che richiede un minimo di investimento a livello economico (pochi euro) può essere “riempito” con l'installazione di modelli Wordpress.
 
In questo caso è necessario collegarsi al sito Wordpress.org, scaricare wordpress 3.5.1 sul proprio pc e poi, a download avvenuto, estrarre il contenuto del file .zip e modificare il file denominato wp-config-sample.php, seguendo le istruzioni che troverete nel file stesso. Dopo questa procedura, sarà necessario caricare i file di Wordpress sul proprio spazio web e collegarti alla pagina nomedelblog/wp-admin/install.php per completare la procedura e avere il proprio blog pronto per essere animato. Avere un blog su un proprio spazio web consente di inserire pubblicità e personalizzare la grafica in ogni modo, cosa non possibile con le risorse opensource.
 
Se lo scopo del vostro blog aziendale è trovare nuovi clienti, far conoscere i vostri prodotti o anche solo le vostre capacità, è importante che impariate a produrre contenuti appetibili non solo per il pubblico ma anche e soprattutto per l'indicizzazione.
 
Cos'è l'indicizzazione? Per indicizzazione si intende l'inserimento di un sito web nei motori di ricerca, alla quale fa seguito il posizionamento, ossia fare in modo che quel dato sito web compaia nelle pagine di risposta dei motori di ricerca. In poche parole, quello che dovete fare è produrre testi ed informazioni che piacciano a Google e agli altri motori di ricerca, in modo che chi andrà a cercare in internet notizie relative ad un argomento da voi trattato, si imbatta il prima possibile in un post pubblicato da voi. Per far si che questo accada spesso e volentieri è necessario ottimizzare il sito per i motori di ricerca, ma è una materia che richiede un'ampia trattazione.
 
Possiamo provare comunque ad indicare delle linee guida per iniziare a far conoscere, a Google e non solo, il nostro blog:
 
  • scrivere spesso, almeno tre volte a settimana (la frequenza di pubblicazione è uno dei parametri più importanti)
  • scrivere testi piuttosto lunghi (almeno 500 caratteri) ricchi di parole chiave (le parole chiave sono le parole utilizzate dagli utenti nel momento in cui attivano una ricerca su un motore di ricerca)
  • scegliere titoli che corrispondano il più possibile alle query (domande) rivolte dagli utenti ai motori di ricerca (es. quanto costa un volo per New York? Può essere sia un'interrogazione al motore di ricerca che il titolo di un post)
  • inserire link da un post all'altro che servano a completare l'informazione per l'utente e lo “trattengano” sul vostro sito
  • inserire immagini di buona dimensione e qualità e assegnare anche a loro un titolo
  • ricevere link da altri siti
  • essere condivisi sui social network
  • avere una pagina contatti chiara e facile da individuare, altrimenti lo scopo del vostro blog non sarà raggiunto!
 

LASCIACI UN COMMENTO!

* Nome
* Email
* Commento
 
 
 
  * campo obbligatorio