14/01/2013 | scritto da Staff

Valigia, quale scegliere?

Morbide, rigide, semirigide, grandi, medie, piccole, di plastica, di tela o in carbonio: sono centinaia di modelli di valige tra i quali possiamo scegliere, ma nessuna sembra mai abbastanza adatta a contenere tutto quello che ci sarà necessario durante la nostra vacanza (vero?). Quello di come riempirla è un altro problema, per prima cosa è bene scegliere quella più adatta alle nostre esigenze.

Ovviamente il primo fattore da prendere in considerazione è il tipo di viaggio che si vuole affrontare:

  • viaggio in aereo
  • viaggio in macchina
  • viaggio in treno

In seconda analisi: quanto staremo lontani da casa?

  • Viaggio lungo
  • Weekend

Per non dimenticare il motivo del nostro viaggio, vacanza o lavoro?

Se parliamo di viaggi in aereo è consigliabile di munirsi di una valigia rigida. Al di là della capienza (per il bagaglio imbarcato si ha a disposizione di solito dai 15 ai 20 kg a passeggero), le valige in aeroporto sono veramente maltrattate! Rulli, stive, carrelli: il personale, specialmente in caso di scali e cambi di velivoli, è costretto a trasferire i bagagli in tempi sempre più stretti, quindi è piuttosto lecito pensare che non li maneggino con una cura estrema. Quindi, la resistenza è la prima caratteristica che deve avere la vostra valigia, a meno che non vogliate comprarne una nuova ad ogni vigilia di viaggio. Secondo elemento che vi consigliamo è il colore: è vero che il nero e il blu resistono allo sporco, ma una bella tonalità brillante la farà notare sui nastri trasportatori anche a distanza ed eviterà che sia confusa con quella di un altro passeggero. Inoltre, se il viaggio che state affrontando è per puro divertimento e relax, una valigia rigida regge meglio agli urti e vi permetterà di portare a casa i vostri souvenir intatti.

In treno e in auto lo spazio a disposizione per il bagaglio di ogni passeggero è ridotto, quindi ecco che probabilmente è meglio orientarsi verso valigie semirigide e morbide: si adattando meglio a cappelliere e bauli. Se dovete o volete utilizzare delle valige morbide o semirigide in aereo ricordatevi di farle avvolgere nel cellophane prima di imbarcarle, negli aeroporti ci sono tanti punti dove il personale svolge questa mansione e il costo è di pochi euro (in ogni caso vale la pena investire in sicurezza!).

Sono sempre più diffusi i viaggi low cost, che consentono di raggiungere le capitali europee a prezzi veramente contenuti, a patto però di viaggiare esclusivamente con il bagaglio a mano. In questo caso la scelta migliore è il trolley, ma fate attenzione che sia leggero: il vostro bagaglio non deve superare nemmeno di un grammo i 10 kg (verificate comunque con la vostra compagnia). Le dimensioni devono essere esattamente quelle delle cappelliere, quindi i produttori di trolley si sono attrezzati producendo delle valige che portano chiaramente l'indicazione “cabin size” sull'etichetta, accompagnata dai nomi delle compagni aeree che accetteranno sicuramente di imbarcare quel modello di valigia perché conforme alle caratteristiche richieste.

Comunque, qualsiasi sia il modello di valigia che sceglierete, non dimenticate mai e poi mai di inserire la combinazione o di chiuderla con un lucchetto: in vacanza è facile disattivare il cervello ma i furbi sono sempre in agguato!

 

Leggi anche: Vacanze, valigie, prenotazioni: piccoli accorgimenti di viaggio