21/11/2012 | scritto da Staff

Stop alla distinzione di genere, via libera ai nomi “neutri”

Se siete genitori in attesa della cicogna e non riuscite a decidere quale nome assegnare all'erede, a complicarvi piacevolmente la vita ci ha pensato la Corte di Cassazione, stabilendo che d'ora in poi sarà possibile scegliere anche nomi neutri.

La decisione segue ad una sentenza del 2010 che impediva ad una coppia toscana di chiamare Andrea la propria figlia e tramutando il nome di battesimo in “Giulia Andrea”. Il ricorso dei genitori della bimba ha portato, due anni dopo, la Corte Suprema ad annullare quel provvedimento, in virtù del contesto culturale in cui si trova il nostro Paese, non più prettamente nazionalistico, bensì influenzato dai contatti con Paesi europei ed extraeuropei.

Quindi via libera al nome Andrea anche per le bambine, così come Elia, Mattia, e i tanti nomi propri che oltreoceano sono indifferentemente assegnati a maschi e femmine, come Jordan, Cameron, Riley, Jess, Alex, Lou e tanti, tantissimi altri. Ma se il genere non sarà più una fattore discriminante per la scelta di un nome, anche un maschietto potrà essere chiamato...Francesca?