25/07/2012 | scritto da Staff

L'Imu potrebbe non bastare

Ci hanno dissanguato per farcelo pagare ed ora tutti i nostri sforzi per saldare la rata dell'Imu potrebbero non essere sufficienti a salvare tantissimi comuni italiani dal fallimento.

I tagli della spending review, pari a 500 milioni di euro decurtati dal budget delle amministrazioni locali, si aggiungono ad un gettito Imu inferiore al previsto. Inizialmente il ricavato dell'Imu 2012 doveva essere identico a quello dell'Ici 2010, su quella base si erano fatti conti e progetti ma molti situazioni di emergenza, come il terremoto in Emilia, hanno limitato i versamenti, provocando una perdita di almeno un miliardo e mezzo. I calcoli effettuati dallo stesso Ministero del Tesoro sembrano errati e gli scostamenti sarebbero importanti.

Entro il 30 settembre inoltre i Comuni devono varare una norma sugli equilibri di bilancio, ma moltissimi non potranno farlo non potendo contare sugli introiti derivanti dall'Imu che garantirebbero una base di calcolo certa. Il risultato? Molte amministrazioni rischiano di saltare, i consigli comunali si scioglieranno proprio perché non in grado di rispettare questo step tassativo.

Cosa accadrà? Nuove tasse in arrivo o anarchia generale?