15/05/2012 | scritto da Staff

Facebook? Meglio del sesso

Ad Harvard evidentemente si annoiano in questo periodo, almeno stando agli argomenti delle ricerche svolte nei prestigiosi laboratori dell'ateneo.

L'ultima riguarda Facebook e le sensazioni che il Social network sarebbe in grado di suscitare nei milioni di utenti che ogni giorno trascorrono ore curiosando un profilo dopo l'altro.

Secondo Diana Tamir e Jason Mitchell, due neuroscienziati americani, aggiornare il proprio stato e commentare quello degli amici offre una soddisfazione paragonabile a quella del sesso. Le aree del cervello che impieghiamo quando utilizziamo Facebook sono quelle collegate al piacere, che sollecitate producono un rilascio di dopamina, sostanza chimica associata alla reazione che abbiamo durante un atto sessuale.

Il lato piacevole dell'attività consisterebbe nel poter elevare la percentuale di discorsi auto orientati dal 40% della vita quotidiana all'80% della vita online, una sorta di premio per la propria autostima, vogliosa di condividere con l'esterno i propri pensieri e le proprie opinioni.