16/08/2012 | scritto da Staff

Elvis Presley: a 35 anni dalla sua scomparsa i fan si radunano a Graceland

Cantante, chitarrista, attore ma soprattutto idolo delle folle. Questo era e continua ad essere per milioni di fan Elvis Presley, il Re del Rock dalla presenza scenica a dir poco ineguagliabile. Ricorre oggi l'anniversario della sua morte, avvenuta 35 anni or sono nella sua casa di Memphis, dove tutt'ora è sepolto.

Una fine ingloriosa, a soli 42 anni, per un uomo considerato tra i più belli ed ammirati di tutti i tempi. Seppure le cause ufficiali della sua scomparsa siano tutt'ora da chiarire, pare che siano legate alla sua obesità, che da tempo aveva modificato i suoi bellissimi lineamenti.

Sono migliaia le persone che oggi si recheranno a Graceland, la casa di Elvis, per una sorta di pellegrinaggi laico, dove i tantissimi ammiratori ricorderanno il proprio mito con una fiaccolata, vestendosi come lui e cantando le sue canzoni.

Elvis è stato forse il primo personaggio musicale a raggiungere una fama che andasse oltre la sua arte, diventando una vera e propria icona pop. Il legame con i suoi ammiratori è talmente forte che ancora oggi sono registrati avvistamenti di Elvis, che ora avrebbe 77 anni, in isole caraibiche o nei luoghi più nascosti del creato, dove l'artista si sarebbe rifugiato, simulando la propria morte, per tornare a vivere una vita tranquilla lontano dallo stress dello star system e dall'assedio dei fan.

Leggende che non fanno altro che accrescere il mito di “The Pelvis”, facendo di Graceland una delle residenze più visitate degli Stati Uniti, seconda soltanto ad una certa Casa Bianca.