14/03/2012 | scritto da Staff

Earth Hour 2012: anche in Italia luci spente per l'ora della terra

Il 31 marzo 2012 in tutto il mondo si spegneranno le luci di negozi, uffici, case, sedi di enti per partecipare attivamente all'Earth Hour, l'Ora della Terra voluta ed organizzata da Wwf. Si tratta della più grande mobilitazione volontaria per la lotta al cambiamento climatico e per un futuro sostenibile, che si tradurrà in una sorta di giro del mondo a luci spente attraverso tutti i fusi orari, per coinvolgere persone, città, istituzioni e sensibilizzare tutti su questo importantissimo tema.

Al momento sono oltre 170 i Comuni italiani che hanno già confermato la propria partecipazione, dai grandi capoluoghi come Roma, Milano, Venezia, Torino, Firenze e Napoli fino a piccole cittadine di montagna o in riva al mare, dove saranno organizzate cene a lume di candela, eventi di piazza, iniziative speciali e visite serali nelle Oasi WWF per portare l'attenzione degli italiani su quanto il futuro sia non solo possibile ma necessario, incentivando adulti e bambini ad adottare comportamenti corretti ed azioni concrete a tutti i livelli.

Tra gli “spegnimenti” più attrattivi citiamo quello della Scala di Milano; piazza San Marco e Palazzo Ducale a Venezia; Castel Sant'Angelo a Roma; Duomo e Battistero di Firenze e anche in alcuni dei principali beni del Fai-Fondo Ambiente Italiano, che spegneranno le proprie luci insieme a luoghi simbolo dell'evento come la Cupola di San Pietro; la Torre di Pisa; il Ponte Vecchio di Firenze; la Mole Antonelliana di Torino; il Pirellone di Milano; l'Acquario di Genova; i Sassi di Matera e tantissimi altri.

Questa edizione dell' Earth Hour cade nell'anno che l'ONU ha dedicato all'Accesso all'Energia Sostenibile e rappresenta il primo grande evento per il pubblico nella marcia di avvicinamento alla Conferenza di Rio+20 sullo sviluppo sostenibile.