07/08/2012 | scritto da Staff

“Decalogo per il turista europeo”, la UE ricorda come vivere vacanze in tutta sicurezza

Qualche giorno fa abbiamo pubblicato il decalogo del perfetto turista, dove venivano indicate alcune semplici regole da rispettare affinché le vacanze siano un momento di relax per tutti e non una fonte di stress a causa dei comportamenti poco attenti alle esigenze del prossimo.

 
Ora anche la UE ha stilato i propri dieci comandamenti in materia di turismo, sottolineando i diritti e i doveri dei cittadini europei per viaggi felici ma soprattutto sicuri. 
  1. Avere sempre a portata di mano un documento. Anche per i bambini. Se nell'area di Shenghen è sufficiente la carta d'identità, non scordate di rinnovare il passaporto nel caso in cui vi muoviate oltre oceano.
  2. Non in tutti i paesi esiste un'ambasciata del proprio paese di origine. Nel caso ne aveste bisogno potete rivolgervi a quella di uno qualsiasi degli altri Stati europei.
  3. In caso di pesanti ritardi o annullamenti di voli o treni, i passeggeri hanno diritto ad assistenza e al rimborso della spesa. Anche la proposta di un itinerario alternativo è compito della compagnia responsabile del disagio. Bagaglio smarrito? Potrete ottenere un risarcimento fino a 1.220 euro.
  4. Non sempre la formula “Tutto compreso” comprende davvero tutto. Verificate le clausole dei contratti stipulati con tour operator, strutture ricettive o compagnie aeree prima di mettervi in viaggio. Di norma sono escluse le tasse, le mance, le visite guidate, l'assicurazione per certi tipi di danni.
  5. Attenzione alle tariffe per navigare in internet, inviare sms o telefonare. Dal primo di luglio il roaming nell'Unione Europea costa meno.
  6. Portate la tessera sanitaria sempre con voi e verificate l'esistenza di convenzioni sanitarie tra l'Italia e il Paese che andrete a visitare. Non ne esistono fuori dalla UE, pensate quindi ad un'assicurazione privata prima di partire. Negli U.S.A, ad esempio, rischiate di ricevere cure basiche e di dover sborsare un patrimonio per saldare il conto.
  7. Anche gli amici a quattro zampe, che per fortuna trovano sempre più ospitalità nelle strutture europee, hanno bisogno dei loro documenti. Rivolgetevi al veterinario per ottenere il loro “passaporto”.
  8. Chiamate di emergenze? Il 112 è attivo in tutti i Paesi UE.
  9. Rispettare l'ambiente, il patrimonio, la cultura e le tradizioni del Paese che si sta visitando. 
  10. Le norme sulla sicurezza stradale valgono ovunque. Rispettate i limiti di velocità ed evitate di guidare sotto l'effetto di alcool e droghe. 

Non vi basta? Leggete la nostra guida "Vacanze, valigie, prenotazioni: piccoli accorgimenti di viaggio"